Ciclonotturna del Ticino 2010

pubblicato in: Rides, Stories 0

Che nottata ragazzi!!! Un’esperienza incredibile nata da quelle menti malate de Il Cicloviaggiatore!!! Tutto nasce direttamente sul forum, un’idea buttata lì: ma se ci cimentassimo in una pedalata notturna?!?! E fin qui tutto normale. D’inverno?!?! Ed ecco che viene la particolarità di questa, ma si, chiamamiola impresa!!!
I preparativi non sono normali come per gli altri giri, bisogna coprirsi, sotto calzamaglia di lana più pantaloni da bici invernali e ai piedi due paia di calze, scarpe da tennis e i nuovi copriscarpe. Sopra invece si adotta una soluzione multistrato: canottiera, maglietta, felpa pesante da bicicletta, pile leggero e giaccavento rossa anni ’80 rispolverata dalla mansarda per l’occasione.
Non si può poi dimenticare la copertura della faccia, già perchè prendere freddo lì vuol dire trasmetterlo a tutto il corpo, per cui passamontagna giallo fosforescente, copricollo, occhiali con lenti bianche e casco.
Ebbene, bardati chi più chi meno, alle ore 22:50, dopo un breve viaggio in treno dalla Stazione Centrale di Milano a quella di Sesto Calende sull’estremità meridionale del Lago Maggiore, 19 lucette bianche si apprestano a cominciare la Prima Ciclonotturna del Ticino!!!
Costeggiamo il fiume e poi diversi canali, saltellando qua e là tra una sponda e l’altra, alternando al corso d’acqua naturale i canali artificiali che lo affiancano.
Il clima comincia a cambiare, la temperatura verso l’una e mezza di notte comincia a calare e la cosa si nota non tanto per il freddo, così coperti si reggeva più che bene, ma dal fatto che i tappi delle borracce sono ghiacciati e una patina di ghiaccio va a coprire, contachilometri, gps e borsetta, per non parlare sulla giaccavento!!!
Si pedala, si pedala con poche pause per evitare di raffreddarsi troppo e non rimanere intorpiditi dal gelo e pian piano si raggiunge il Naviglio Grande che con l’alzaia ci conduce fino alla Darsena. Nel mentre una foratura e qualche ostacolo sul tragitto che superiamo tranquillamente senza troppi problemi.
Il cartello Milano lo avvistiamo verso le 5 e mezza di mattina, ecco la Darsena, Porta Ticinese e via verso il centro totalmente deserto passando dalle colonne di San Lorenzo, via Torino e la sempre suggestiva Piazza Duomo, che dopo ore di pedalata al buio, vederla così tranquilla, deserta e accogliente, beh non ha veramente prezzo!!!
La meta principale è raggiunta per cui supercolazione in Corso Vittorio Emanuele prima che il gruppo si divida, chi verso le stazioni, chi verso casa e chi, come il sottoscritto verso la Martesana!!!
Il sonno comincia a salire, la pedalata si fa un po’ più sostenuta per contrastare eventuali abbiocchi e così giungiamo all’imbocco del Naviglio Martesana, brevi tappe saluti a Vimodrone e Cernusco per salutare i mitici emiliani, romani e chi più ne ha più ne metta e poi via verso casa!!!
Dopo ben sette ore e mezza col culo, tra le altre cose abbastanza dolente, sulla sella arrivo a casa, apro la porta, doccia e poi una bella dormita!!!
Un grandissimo ringraziamento a chi ha saputo organizzare questa fantastica notturna e a tutti coloro che hanno partecipato, sarà come sempre una pedalata indimenticabile!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.