Alpe di Siusi

Alpe di Siusi

pubblicato in: Stories, Trekking | 0

Weekend di Pasqua che cade nella prima metà di Aprile, un inverno povero di neve, la voglia di andare da soli lontano da tutto, quasi isolati in mezzo al nulla, ma circondati dalla natura in uno dei posti più belli in cui siamo mai stati.
Questo posto e la Malga Romer (oppure Romerschwaige) nel mezzo dell’Alpe di Siusi, qualche chilometro dopo Compatsch e praticamente sotto il Sassopiatto.
Il posto può sembrare spettrale, non c’è in giro nessuno, la stagione invernale è chiusa ormai da settimane, per aprire quella estiva bisognerà aspettare ancora due mesi, alberghi chiusi, residence deserti, non c’è nessuno!
Abbiamo tre giorni, lo zaino, gli scarponi e le racchette, non abbiamo programmato esattamente cosa fare, ma qui dovunque ti giri è uno spettacolo. Ci si copre, smartphone con mappa alla mano e via.
Oggi ci ispira andare di là, prima una mulattiera, poi un sentiero, cervi che pascolano, nuvole basse, freddo, un po’ di neve, noi due e nient’altro, bello, fantastico!

Secondo giorno stessa cosa, giro più lungo, verso la base del Sassopiatto e il Rifugio Zillinger, ovviamente chiuso! Troviamo una coppia in mountain bike, esseri umani, una rarità da queste parti.

Entering a new dimension through the stargate!

A post shared by Giovanni Pirotta (@brokenp87) on

Proseguiamo su sentieri ancora innevati, comincia a piovere, poi diventa nevischio, nebbia, il rumore del vento, torna il sole, un gatto che ci segue per chilometri e chilometri.

Somewhere beneath the Sassopiatto!

A post shared by Giovanni Pirotta (@brokenp87) on

Su e giù sul filo dei 2000 metri, spesso fermi ad ammirare il panorame dietro di noi, il Sassopiatto, il Sassolungo, una prospettiva diversa da quella che conoscevamo, una stagione diversa, che potrà sembrare triste per alcuni, ma che a noi ha dato tantissimo!

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.